Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L’architetto Aldo Sollazzo riceve a Barcellona la medaglia di “Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia”

Data:

26/07/2019


L’architetto Aldo Sollazzo riceve a Barcellona la medaglia di “Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia”

La Console Generale di Italia a Barcellona Gaia Danese ha concesso la sua prima onorificenza

È stata conferita ad Aldo Sollazzo, direttore dello studio di design e tecnologia Noumena (https://noumena.io/) con sede a Barcellona, la medaglia di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia, concessa dall’Ambasciata d’Italia a Madrid e proposta e consegnata dalla Console Generale di Italia a Barcellona, Gaia Danese.

L’onorificenza è stata consegnata a Sollazzo in ragione del suo merito come creativo e imprenditore oltre le frontiere nazionali, essendo diventato uno dei migliori rappresentanti del talento italiano all’estero e avendo aiutato l’Italia ad affermarsi come un paese di grandi talenti che lavorano dentro e fuori dal territorio nazionale. Sollazzo mantiene un forte legame con l’Italia e nel 2013 ha fondato il centro FabLab nella sua città natale, Frosinone.

Autore di numerose pubblicazioni e vincitore di vari premi di design innovativo, robotica e tecnologia tessile, egli è sovrintendente e partner di The Fab Linkage, attività nell’ambito di ITmakES – Vivere all’Italiana, un progetto promosso dall’Ambasciata d’Italia a Madrid al fine di incentivare lo scambio tra creativi e makers italiani e spagnoli. Gaia Danese, a Barcellona dal settembre 2017, durante il suo precedente incarico come Consigliera dell’Ambasciata d’Italia a Madrid ha lanciato il progetto ITmakES. La Danese è la Console Generale più giovane che abbia diretto la sede consolare di Barcellona mentre Aldo Sollazzo è il più giovane insignito in Spagna degli ultimi anni. Questo fatto conferma la scommessa per il rinnovo della diplomazia italiana all’estero e per dare valore alla nuova generazione d’immigrazione italiana e, specialmente, all’eccellenza del soft power italiano nei settori culturali come il cinema, la musica, l’alta gastronomia, il design e l’architettura.


548