Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Visita del Console Generale ai ricercatori italiani dell' "Institute for Research in Biomedicine" di Barcellona.

Data:

02/03/2017


Visita del Console Generale ai ricercatori italiani dell'

Gli scienziati italiani costituiscono – dopo gli spagnoli - il gruppo più numeroso fra i 34 Paesi dai quali provengono i 391 ricercatori che integrano lo staff scientifico dell' 'Institute for Research in Biomedicine (IRB)' di Barcellona.

Il Console Generale a Barcellona, Stefano Nicoletti, ha incontrato lo scorso 28 febbraio il Direttore dell'Istituto, Prof. Joan Guinovart ed i 23 ricercatori italiani (5% del totale del personale) che vi operano e che hanno avuto modo di presentargli alcuni degli studi e dei progetti di ricerca che vi stanno conducendo. Il 60% degli italiani sono donne e sono soprattutto ricercatori post-dottorato.
Il 7% delle collaborazioni internazionali dell'IRC sono con istituzioni universitarie italiane: con il SEMM (Scuola Europea di Medicina Molecolare) di Milano; con l'Universita' La Sapienza di Roma; con le Universita' di Padova e di Firenze e con la Federico II di Napoli.

Centro di eccellenza nella ricerca multidisciplinare in campo biomedico - sito nel Parco Scientifico di Barcellona, proprio accanto al Camp Nou – l’IRB e' stato fondato nel 2005 e fa parte della rete 'CERCA' dei centri di ricerca catalani.

La peculiarita' dell'IRC consiste nella convergenza di competenze di alto livello in campo chimico, biologico e di biologia strutturale e computazionale.
Le principali linee di ricerca sono focalizzate sulla biologia cellulare; la medicina molecolare; l'oncologia e lo studio dei meccanismi di metastasi; la chimica e farmacologia molecolare ed infine la gestione ed interpretazione di grandi quantitativi di dati in campo biologico.

L'IRC ha prodotto dal 2005 al 2016 circa 2130 pubblicazioni scientifiche: un risultato conseguito grazie anche all’importante apporto dei ricercatori italiani ivi operanti.


365