Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Grande successo di pubblico al Festival del Cinema italiano a Barcellona, edizione 2016.

Data:

20/12/2016


Grande successo di pubblico al Festival del Cinema italiano a Barcellona, edizione 2016.

E’ in pieno corso, nelle sale del Cinema Verdi, luogo di storico riferimento del cinema d’essai a Barcellona nel quartiere di Gracia, la Vº edizione della “Mostra de Cinema Italià de Barcelona” che vede collaborare l’Istituto Luce-Cinecittà, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, il Consolato Generale d’Italia a Barcellona, l’Istituto Italiano di Cultura ed il Centro di Studi sul Cinema Italiano (CSCI). Il Festival, iniziato lo scorso 16 dicembre ed in svolgimento sino a mercoledì 21 dicembre, prevede la proiezione – alla presenza dei registi o degli attori principali - di una ampia scelta di lungometraggi, molti dei quali opere prime di giovani autori, ma anche di inediti cortometraggi che offrono uno spaccato di quanto il cinema italiano d’autore ha saputo creare nell’ultimo anno.

Inaugurato lo scorso 16 dicembre dall’Ambasciatore d’Italia a Madrid, Stefano Sannino e dal Console Generale d’Italia a Barcellona, Stefano Nicoletti – in occasione della proiezione del film “Pericle il Nero” di Stefano Mordini e la contestuale premiazione di Riccardo Scamarcio che è stato insignito con il Premio CSCI – il Festival sta riscuotendo un ampio gradimento del pubblico con centinaia di giovani italiani, catalani e spagnoli che affollano le tre proiezioni giornaliere e che, anche dopo la mezzanotte, non si stancano di colloquiare e dibattere con i registi o con i protagonisti dei film in rassegna che, generosi, non si sottraggono al confronto. Un confronto non virtuale, ma vero, con la presenza fisica ed emotiva dei diretti protagonisti.

Fra i cortometraggi in gara, la giuria composta da Lluís Salgado, José Luis Montesino e e Alessandro Aronadio ha premiato domenica il corto intitolato “Era ieri” di Valentina Pedicini.


354