Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Barcellona: il Console Nicoletti visita gli stabilimenti a Badalona della società farmaceutica italiana Menarini.

Data:

16/03/2016


Barcellona: il Console Nicoletti visita gli stabilimenti a Badalona della società farmaceutica italiana Menarini.

Presente a Barcellona sin dal lontano 1964, il gruppo farmaceutico italiano Menarini è il 38º al mondo nel suo settore per fatturato ed il 16º a livello europeo.

In Spagna, nella sua sede produttiva situata a Badalona, produce più di 100 prodotti medicinali e controlla tutta la sua ampia rete di filiali in America Centrale ed America Latina. Nel 2015 ha fatturato in Spagna 215 milioni di Euro e dato impiego a 749 professionisti (di cui 342 in sede e 407 informatori sanitari), contribuendo con 47,2 milioni di Euro alle entrate fiscali dello Stato Spagnolo. Nel mercato iberico si è posizionata lo scorso anno quale 12º azienda farmaceutica con alcuni prodotti in cui è leader di mercato.

Il Console Generale a Barcellona, Stefano Nicoletti, ha visitato il 16 marzo 2016, gli stabilimenti produttivi a Badalona, su invito del Direttore delle Relazioni Istituzionali, Javier Hidalgo Ortega, incontrando i responsabili dei vari settori, sia tecnici che di ricerca.

Lo stabilimento produttivo – il più rilevante in Spagna di una azienda farmaceutica italiana – si estende su 13.000 mq in una zona del tessuto cittadino limitrofo a Barcellona caratterizzato da numerosi problemi sociali.

Per questo la Menarini, nell’ambito delle attività di responsabilità sociale d’impresa, dedica risorse ad attività e progetti di integrazione sociale nel territorio di Badalona, in collaborazione con la Fondazione Ateneu Sant Roc e con la Caritas Diocesana.

L’azienda italiana è stata inoltre presente in attività di solidarietà internazionale, come in occasione del terremoto che ha investito il Nepal nel 2015 per il quale – tramite la ONG “Farmaceuticos sin fronteras” - ha inviato alle popolazioni colpite dal sisma più di 5000 confezioni di analgesici ed antidolorifici.


306