Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nascita

 

Nascita

Documentazione da presentare per trascrivere in Italia la nascita di un figlio.

Figlio nato dentro il matrimonio

1- modulo di richiesta

1a - Richiesta trascrizione atto di nascita avvenuta in Spagna
1b - Richiesta trascrizione atto di nascita avvenuta in altri paesi

2- copia dei documenti d’identità italiani di entrambi i genitori

3- certificato di nascita integrale ("certificación literal de nacimiento") in originale munito del modello standard multilingue (previsto dal Reg. UE 2016/1191 del 6 luglio 2016). In assenza di tale modello, sara’ necessario presentare il certificato literal munito di traduzione, eseguita da un traduttore giurato della lista professionisti nella pagina web del Consolato. (Collegamento alla lista dei traduttori giurati )

4. estratto atto di nascita su modello plurilingue

NOTA BENE: gli atti rilasciati da Paesi extra-UE necessitano di legalizzazione o:

1) a mezzo apostille ai sensi della Convenzione dell’Aja del nº 12, del 5 ottobre 1961)
2) oppure con le modalità previste dal proprio Paese, se questi non è un Paese firmatario della predetta Convenzione.

NOTA BENE: per gli atti rilasciati da Paesi extra-UE è necessario pagare per la legalizzazione consolare della firma del traduttore giurato. La tassa consolare per la legalizzazione della firma del traduttore è di 24,00 euro (art. 69), da pagare con bonifico bancario sul conto del Consolato Generale.

Figlio nato fuori dal matrimonio:

Tenuto conto che la normativa italiana prevede che il riconoscimento del figlio minore avvenga esclusivamente con le modalità stabilite dal Codice Civile italiano, se nell’atto integrale di nascita spagnolo (o extra-UE) non risulta che il minore, nato fuori dal matrimonio, sia stato riconosciuto congiuntamente dai genitori avanti l’Ufficiale dello Stato Civile, è necessario che l'atto venga integrato con una dichiarazione di riconoscimento.

Se il riconoscimento è stato fatto congiuntamente, si consiglia di verificare che tale estremo venga riportato nella traduzione del modello standard plurilingue che rilascia il Registro Civil, altrimenti si dovrà procedere alla traduzione del certificato literal (vedi sopra).

Modalità per poter rendere la dichiarazione di riconoscimento in Consolato:

La dichiarazione può essere resa a mezzo atto pubblico presso l’Ufficio Notarile del Consolato (art. 254 del c.c.). In questo caso va presentata anche la ricevuta di pagamento dei relativi diritti consolari (art.26. T.C.).

La dichiarazione di riconoscimento andrà allegata alla documentazione sopra indicata.

Si fa presente, ad ogni buon fine, che la dichiarazione di riconoscimento con atto pubblico può avvenire anche tramite Notaio spagnolo. In questo caso l’atto pubblico spagnolo dovrà essere tradotto (con le modalità sopra descritte).

Limiti nella scelta dei nomi

E’ proibito imporre ai propri figli lo stesso nome del padre vivente, di un fratello o di una sorella vivente, un cognome quale nome, nomi ridicoli o vergognosi e che possano creare equivoci sul sesso. I nomi stranieri dovranno essere espressi con lettere dell’alfabeto italiano, con estensione alle lettere: J, K, X, Y, W. Il nome può essere formato da uno o più elementi, in numero massimo di tre, anche separati.




280