Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

ELEZIONI EUROPEE 2019

 

ELEZIONI EUROPEE 2019

Normativa di riferimento: Legge 24 gennaio 1979, n. 18; Decreto Legge 24 giugno 1994, n. 408, convertito con modificazioni in Legge 3 agosto 1994, n. 483
Tipo di voto: presso seggi istituiti in loco dall'Ufficio Consolare
Spoglio delle schede: in Italia

Informazioni generali

-
Elezione dei membri del Parlamento europeo 2019

Lo sportello elettorale di questo Consolato Generale rimarrà aperto al pubblico, senza previo appuntamento, secondo i seguenti orari:

- dal 21 al 23 maggio 2019: 09.30 - 13.00 ; 15.30 - 17.00
- 24 maggio 2019: 09.30 - 13.00 ; 15.30 - 22.00
- 25 maggio 2019: 08.00 - 18.00

 Rilascio duplicati dal 21 maggio 2019.

N.B.: Per il rilascio dei duplicati agli elettori dei seggi fuori dalla Catalogna si prega di presentarsi direttamente presso i seggi negli stessi giorni della votazione agli orari previsti per venerdì 24 e sabato 25, per l’eventuale rilascio del duplicato attraverso invio telematico da parte del Consolato Generale di Barcellona.

Orari di apertura dei seggi della circoscrizione del CG Barcellona:

Venerdì 24 maggio 2019 dalle ore 17.00 alle ore 22.00;
Sabato 25 maggio 2019 dalle ore 08.00 alle ore 18.00 (per Palma de Mallorca, Ibiza e Alicante sabato chiusura anticipata alle ore 14).

L’ubicazione dei seggi la troverete qui

Ai sensi della vigente normativa (Legge 24 gennaio 1979, n. 18; Decreto Legge 24 giugno 1994, n. 408, convertito con modificazioni in Legge 3 agosto 1994, n. 483) possono votare all’estero per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento europeo:

- i cittadini italiani residenti nei Paesi membri dell’Unione Europea e regolarmente iscritti all’AIRE;
- i cittadini italiani ed i familiari con essi conviventi che si trovano temporaneamente nei Paesi UE per motivi di studio o di lavoro, presentando entro il 7 marzo 2019 apposita domanda all'Ufficio consolare competente, indirizzata al Sindaco del Comune italiano nelle cui liste elettorali sono iscritti per il successivo inoltro al Ministero dell’Interno (art. 3, comma 3, DL 408/1994).

L’elettore italiano residente all’estero può anche optare per il voto per i candidati del Paese in cui risiede nei modi e nei tempi previsti dalle norme del Paese di residenza. In tal caso voterà presso i seggi istituiti dalle Autorità del Paese di residenza estera.

Il voto all’estero per i rappresentanti italiani si esercita presso i seggi appositamente istituiti dagli Uffici consolari.

L’elettore riceve al proprio indirizzo estero da parte del Ministero dell’Interno italiano il certificato elettorale, con l’indicazione del seggio presso il quale votare, della data e dell’orario delle votazioni.
________________________________________

ELEZIONI EUROPEE 2019. Modalità di voto

1. Elettori residenti nella circoscrizione consolare del Consolato Generale d’Italia a Barcellona e iscritti all’AIRE.
2. Elettori temporaneamente presenti nella circoscrizione consolare del Consolato Generale d’Italia a Barcellona per motivi di studio o di lavoro.
________________________________________

1. Elettori residenti nella circoscrizione consolare del Consolato Generale d’Italia a Barcellona e iscritti all’AIRE

Ai sensi della Direttiva 93/109/CE e della normativa italiana vigente (Legge 18/1979 e DL 408/1994, convertito in legge 483/1994), i cittadini italiani residenti in Spagna e iscritti all’AIRE possono votare:

1) per i membri del Parlamento Europeo spettanti alla Spagna, previa opzione da esercitare presso il Comune spagnolo di residenza (Oficina del Censo Electoral) entro il 30 gennaio 2019.

Tale opzione comporta l’eliminazione del proprio nominativo dall’elenco elettori fornito dal Ministero dell'Interno italiano: una volta esercitata l’opzione per i candidati spagnoli, non si potrà in alcun modo esercitare il diritto di voto per i candidati italiani.

Si attira l’attenzione sul fatto che, per la normativa spagnola, l’opzione ha carattere permanente: vale a dire che una volta esercitata, rimane valida per tutte le consultazioni successive, fino a formale revoca da esercitarsi sempre presso il Comune di residenza spagnolo.

oppure

2) per i membri del Parlamento Europeo spettanti all’Italia, presso i seggi istituiti all’estero dalle Rappresentanze diplomatico-consolari.
Se si vuole votare per i candidati italiani è opportuno verificare presso il proprio Comune di residenza spagnolo di non avere esercitato in passato l’opzione per i candidati spagnoli ed eventualmente revocarla.

Gli elettori che non hanno esercitato l’opzione per il voto dei membri spagnoli del Parlamento Europeo, riceveranno a casa da parte del Ministero dell’Interno italiano il certificato elettorale, con l’indicazione del seggio presso il quale votare, della data e dell’orario delle votazioni.

La legge prevede anche la possibilità di votare per i candidati italiani in Italia, in caso di rimpatrio, facendone domanda all’ufficio elettorale del proprio Comune italiano di riferimento entro il giorno precedente alla votazione, esibendo il certificato elettorale ricevuto al proprio domicilio estero.

È penalmente sanzionato il doppio voto:
- chi vota per i membri spagnoli del Parlamento Europeo non potrà votare anche per quelli italiani, e viceversa;
- chi vota per i candidati italiani presso le sezioni istituite all’estero non potrà farlo anche presso quelle presenti in Italia, e viceversa.

Gli elettori in possesso di più cittadinanze UE possono esercitare il loro diritto di voto solo per uno degli Stati di cui sono cittadini.
________________________________________

2. Elettori temporaneamente presenti nella circoscrizione consolare del Consolato Generale d’Italia a Barcellona per motivi di studio o di lavoro

-
Informativa per elettori temporanei

Tali elettori possono votare all’estero per i membri del Parlamento Europeo spettanti all’Italia.

Si chiarisce che NON rientrano in tale categoria di elettori i cittadini che sono soggetti all’obbligo di iscrizione all’AIRE (residenti all’estero per cause di durata superiore a 12 mesi, ai sensi della legge 470/1988).

Scade il 7 marzo 2019 il termine stabilito dal Ministero dell'Interno per la presentazione della domanda per potere esprimere il voto presso le sezioni elettorali che saranno istituite da questo Consolato Generale, da parte degli elettori che si trovino temporaneamente nel territorio della circoscrizione consolare del Consolato Generale d’Italia a Barcellona per motivi di lavoro o di studio, nonché degli elettori familiari con essi conviventi.

La domanda, redatta secondo il modello allegato (vai al modello), facendo particolare attenzione alla correttezza e completezza del recapito estero (indirizzo con numero civico, piano e porta-CAP-località), dovrà essere sempre corredata:
1. dall’indicazione specifica dei motivi per i quali il connazionale si trova nel territorio della circoscrizione consolare;
2. dall’attestazione del datore di lavoro o dell'istituto o ente presso il quale il connazionale svolge la sua attività di studio, oppure da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, che contenga l’indicazione dell’attività di lavoro o studio svolta dal connazionale, ovvero la sua qualità di familiare convivente;
3. fotocopia di un documento di identità del richiedente in vigore.

Le domande possono essere presentate al Consolato Generale d’Italia a Barcellona:
a) per posta elettronica all’indirizzo barcellona.elettorale@esteri.it (allegando file scansionato della domanda firmata + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente in vigore);
b) per posta all’indirizzo del Consolato Generale d’Italia a Barcellona - Calle Mallorca, 270 – 08037 Barcellona (inviando domanda firmata + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente in vigore);
c) per fax al numero +34 93 4870002 (inviando domanda firmata + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente in vigore);
d) presso gli Uffici del Consolato Generale d’Italia a Barcellona, senza appuntamento (consegnando domanda firmata + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + fotocopia di un documento di identità del richiedente in vigore).

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre il termine del 7 marzo 2019.

Oltre tale data le domande non potranno essere accolte e gli elettori potranno esercitare il loro diritto di voto solo in Italia (art. 3 comma 6 DL 408/1994).

Gli elettori temporaneamente domiciliati nelle regioni di ARAGÓN, BALEARES, CATALUNYA, COMUNIDAD VALENCIANA e MURCIA nel formulario dovranno indicare come "Ambasciata/Consolato di competenza" il Consolato Generale d'Italia in Barcellona.

Invece gli elettori temporaneamente domiciliati nelle regioni di ANDALUCIA, ASTURIAS, CANARIAS, CANTABRIA, CASTILLA-LEÓN, CASTILLA LA MANCHA, CEUTA, COMUNIDAD DE MADRID, EXTREMADURA, GALICIA, LA RIOJA, MELILLA, NAVARRA e PAÍS VASCO-EUSKADI nel formulario dovranno indicare come "Ambasciata/Consolato di competenza" l'Ambasciata d'Italia in Madrid (www.consmadrid.esteri.it).

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi direttamente al proprio Comune di iscrizione elettorale.
Contatto dell’ufficio elettorale del Consolato Generale d’Italia a Barcellona: barcellona.elettorale@esteri.it

Allegati:

- Elenco Sezioni CG Barcellona
- Agevolazioni di viaggio
- Divieto di doppio voto
- DPR 22 marzo 2019 Indizione dei comizi elettorali per l'elezione dei membri del PE
- E.EU 2019.Comunicato stampa CGIB

- Informativa elettori temporanei EU 2019
- Modulo domanda temporanei EU 2019
- Candidatura per seggio come Presidente / Segretario / Scrutatore


519