Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Informazione generale - Cittadinanza

 

Informazione generale - Cittadinanza

Questo Consolato Generale può ricevere istanze di riconoscimento della cittadinanza italiana da parte degli stranieri maggiorenni stabilmente residenti in questa Circoscrizione consolare e titolari di regolare permesso di soggiorno.

L'ufficio cittadinanza riceve su appuntamento da richiedere con L'APPOSITO MODULO, da inviare per posta ordinaria o raccomandata (non elettronica) all'indirizzo del Consolato Generale, allegando la fotocopia del permesso di soggiorno spagnolo ("permiso de residencia " o "tarjeta "), o del "DNI" per i cittadini spagnoli, specificando i nomi degli ascendenti a iniziare da quello nato in Italia e indicando i propri dati personali, domicilio, telefono, indirizzo e-mail (in mancanza di indirizzo e-mail allegare una busta preaffrancata per la risposta).

Le seguenti istanze possono essere presentate presso questo Consolato Generale solamente su appuntamento:

  1. riconoscimento per discendenza ininterrotta da cittadino italiano
  2. opzione per la cittadinanza italiana in caso di riconoscimento (o dichiarazione giudiziale) di paternità/maternità avvenuto dopo il 18º anno d'età
  3. riconoscimento dell'acquisto automatico da parte della donna straniera coniugata con cittadino italiano prima del 27/04/1983

Non occorre appuntamento in caso di istanze per matrimonio, poiché vanno inserite direttamente in un portale dedicato.

Requisiti linguistici

La legge di conversione (in vigore dal 4 dicembre 2018) ha introdotto l'art. 9.1 alla legge 5 febbraio 1992, n. 91. Detta disposizione prevede, quale condizione per il riconoscimento della cittadinanza ai sensi degli artt. 5 e 9 della suddetta legge, il possesso di un'adeguata conoscenza della lingua italiana, non inferiore al livello B1 del Quadro comune di riferimento per la conoscenza delle lingue. L'accertamento di detto requisito va effettuato attraverso l'acquisizione di:

- Un titolo di studio rilasciato da un istituto di istruzione pubblico o paritario; ovvero
- Una certificazione rilasciata da un ente certificatore.
Al momento possono considerarsi sicuramente enti certificatori, appartenenti al sistema di certificazione unificato CLIQ (Certificazione
Lingua Italiana di Qualita'):
- L'Universita' per stranieri di Siena
- L'Universita' per stranieri di Perugia
- L'Universita' Roma Tre
- La Societa' Dante Alighieri
Potranno, pertanto, essere considerate valide ai sensi della norma citata le certificazioni di livello non inferiore a B1 rilasciate dai suddetti enti, eventualmente in regime di collaborazione con i locali Istituti italiani di cultura.

Attenzione: queste disposizioni riguardano anche i procedimenti di conferimento della cittadinanza in corso

 


290